Rifondazione Comunista sostiene Coalizione Civica Pescara e il candidato Stefano Civitarese

Sostegno di Rifondazione Comunista a Coalizione Civica e partecipa lei stesso con suoi candidati 

08.05.19 22:35
By La Redazione

Dai, vota anche tu!!! Votato 0/5 (0 Voti)

Rifondazione Comunista sostiene Coalizione Civica Pescara e il candidato Stefano Civitarese

Rifondazione Comunista partecipa con suoi candidati e sostiene la Coalizione Civica e il candidato sindaco Stefano Civitarese alle elezioni comunali di Pescara.

Condividiamo l'idea di unire cittadini di sinistra, ambientalisti, che si riconoscono nei valori della Costituzione, che vogliono un'amministrazione e una politica partecipate e libere dal clientelismo, dalla corruzione e dall'affarismo che lavori su obiettivi di solidarietà sociale e per la vivibilità della città.

Stefano Civitarese lo conosco da sempre e ha spesso dato una mano da giurista a importanti battaglie ambientaliste che abbiamo condotto in città e in Regione. Per le sue indiscusse competenze lo proposi come consulente giuridico del Comune per la variante proposta nel 2003 da Rifondazione che salvò dalla cementificazione le più importanti aree verdi e inedificate sopravvissute a decenni di cementificazione selvaggia.

Ha dimostrato di essere una persona seria e dalla schiena diritta da assessore con la delibera che ha detto no alle richieste della società di Milia e Mammarella per quanto riguarda il progetto di Pescara Porto. Un'operazione speculativa - per la quale poi è stata aperta un'inchiesta che coinvolge l'ex-presidente della Regione - che eravamo riusciti a bloccare al Tar ma poi aveva avuto il via libera con un emendamento approvato in parlamento all'epoca del governo Renzi. E lo ha dimostrato anche rompendo con la giunta PD di Pescara.

Con Coalizione Civica condividiamo obiettivi di fondo. Priorità alle politiche sociali, alla sanità martirizzata da anni di tagli e scelte sbagliate, difesa della scuola pubblica. Diritto alla casa e lotta contro il lavoro precario, sottopagato, subappaltato, esternalizzato. Ecologia e difesa dei beni comuni. A partire dal mare e dal fiume inquinati per responsabilità di un sistema di potere nella gestione dell'ACA e dell'ATO che solo noi abbiamo contrastato con coerenza. Recupero della vista mare e di una corretta gestione delle nostre spiagge su cui tutti gli altri partiti hanno consentito e stanno consentendo di costruire di tutto di più. Mobilità sostenibile con centralità del trasporto pubblico e delle biciclette. Sicurezza che si persegue non con la demagogia ma con una seria prevenzione sul territorio a partire dalla lotta senza quartiere alle attività legate al riciclaggio del denaro sporco che spesso tolgono spazio agli operatori onesti.

Pd e centrodestra  hanno consentito il dilagare dei centri commerciali intorno alla città, hanno crocifisso il nostro ospedale, hanno cementificato la spiaggia, ridotto a una latrina il fiume e ora ci vorrebbero spiegare come risolvere i problemi?

La proposta di Coalizione Civica è simile ad altre che abbiamo contribuito a costruire in giro per l'Italia in alternativa a tutti i poli esistenti. A Napoli dove governiamo con De Magistris, a Palermo con Orlando o a Padova dove la Coalizione Civica di cui facciamo parte ha preso il 25% alle scorse comunali. Perchè non provarci anche a Pescara?

Maurizio Acerbo

08.05.19 22:35 - La Redazione - Letto 1682