Carlo Masci: 'Voglio essere il sarto che ricuce con ago e filo la citta' sfilacciata'

Inaugurata stamani la sede elettorale del nuovo candidato sindaco di Pescara per la coalizione di Centro Destra

21.04.19 12:03
By La Redazione

Dai, vota anche tu!!! Votato 0/5 (0 Voti)

Carlo Masci: 'Voglio essere il sarto che ricuce con ago e filo la citta' sfilacciata'

Si è alzato ufficialmente oggi, sabato 20 aprile, il sipario sulla sede elettorale di Carlo Masci: viale Bovio 77 sarà il quartier generale del candidato sindaco al Comune di Pescara per la coalizione di centrodestra. Un incontro partecipato da cittadini e sostenitori delle sette liste che compongono la coalizione, che hanno salutato Masci in un clima di festa:

“Voglio essere il sarto che ricuce con ago e filo la nostra città ormai sfilacciata – ha esordito il candidato sindaco – rammendare le parti che si sono disgregate nel corso di questi anni. Il nostro mare deve tornare ad assurgere al ruolo di biglietto da visita, dobbiamo tornare a fare il bagno nell’area centrale del litorale pescarese, come era abitudine consueta dei cittadini tanti anni fa. Voglio che Pescara ottenga la bandiera blu”.

Tra le priorità programmatiche, si è poi soffermato sulle potenzialità rilevanti dell’intelligenza artificiale: “Bisogna guardare al futuro: io penso a una città sperimento. Mi preme sottolineare l’importanza di un assistente virtuale al servizio di ogni cittadino per fornire risposte e semplificare dunque la quotidianità, nonché per migliorare la qualità della vita; non solo per coloro che vivono in centro, ma in particolare per chi risiede nelle periferie, in aree degradate e che magari si sente cittadino di serie B”.

Il candidato sindaco traccia poi un amarcord dell’operato frutto delle passate amministrazioni di cui era componente: “Abbiamo cambiato il volto di Pescara, con concerti sulla spiaggia, un centro storico abbandonato e reso infine un gioiello; il centro trasformato in un salotto a cielo aperto. Ma oggi bisogna guardare oltre, con innovazione, ad un’altra Pescara”.      

         Altro punto cardine, la sicurezza: “Questa era una delle città più sicure in Italia; ricordo quando le donne potevano passeggiare tranquillamente anche nelle ore notturne. Ecco, anche per questo dobbiamo, e possiamo, sfruttare gli strumenti dell’intelligenza artificiale”. 

La kermesse inaugurale è stata anche l'occasione per scambiare gli auguri di Pasqua con la cittadinanza accorsa.

Vedi anche:

Replica di Carlo Masci a Erika Alessandrini sul mercatino etnico a Pescara

21.04.19 12:03 - La Redazione - Letto 2261