Altri problemi per il nuovo porto canale di Pescara

Pescara. La nota del Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua

11.09.18 10:35
By redvit

Dai, vota anche tu!!! Votato 0/5 (0 Voti)

Altri problemi per il nuovo porto canale di Pescara
Pescara. Il nuovo porto canale di Pescara previsto nel Piano Regolatore Portuale 2016 sulla carta avrebbe dovuto essere largo 60 metri rispetto agli attuali 44 ma i progettisti non avevano fatto i conti con la presenza del Ponte del Mare, delle sue pile e delle relative fondazioni: pertanto dovrà essere "ristretto".

Effettivamente tra errori della diga foranea, vasca di colmata piena di fanghi, dragaggi infiniti, DDT fantasma forse potevamo aspettarci un altro colpo di scena da questa vera e propria saga marinaresca che è il Porto di Pescara.

Sinceramente però non avremmo mai osato pensare a tanto ma, si sa, i valenti progettisti di opere pubbliche in Italia sono veri creativi e sanno spiazzare anche i cittadini più scafati.

Il nuovo capitolo della saga

Qualche giorno fa viene depositato in regione il progetto per la prima fase di realizzazione del nuovo assetto individuato dal Piano Regolatore Portuale approvato il 15 novembre 2016 dopo una lunghissima e assai contestata gestazione, avviata nel 2008, anno di realizzazione del Ponte del Mare.

Con 15 milioni di euro si riesce a costruire solo una piccola porzione della mastodontica opera da decine se non centinaia di milioni di euro. Sostanzialmente si farà la cosiddetta prima fase costituita dal molo Nord che dovrà seguire il nuovo andamento a S del porto canale previsto nel Piano Regolatore Portuale 2016, largo appunto 60 metri. Assetto formulato dopo studi su studi, consulenze su consulenze; le ultime ancora nel 2015.

Peccato che all'altezza del punto della deviazione toh, da dieci anni vi siano ben piantati i piloni dell'ingombrante Ponte del mare con le relative fondazioni. 

Il nuovo porto canale così ben disegnato dal nuovo Piano regolatore non c'entra. No, 60 metri non "ci capano" proprio! 

Di quanto? Gran consulto, fatti i rilievi, verificate, solo ora, le carte. Forse di 5 metri. Oppure di 16. 

Non proprio 'na 'nticchia.

Pertanto il Porto canale invece di 60 metri verrà un po' ristretto, o 55 metri o, addirittura, 44 metri, proprio come ora. 

Come mai questa incertezza? Perché volendo far andare avanti lo stesso le carte delle autorizzazioni e dell'appalto i solerti funzionari hanno comunque avviato la procedura* (tra l'altro errando indirizzo a nostro avviso) di assoggettabilità a V.I.A. presso la regione prima di sciogliere l'arcano, presentando entrambe le opzioni.

Quella da 55 metri di larghezza, infatti attende una nuova perizia strutturale sul...ponte! Domanda: può stare in piedi il ponte se si scava il canale così vicino alle fondazioni?

Se dovesse risultare negativa si mettono quindi le mani avanti e c'è subito l'opzione da 44 metri nel menù. 

Solo che in quest'ultimo caso la profondità non potrà essere di 4 metri ma dovrà essere portata a 5 perché altrimenti Pescara rischia di andare sott'acqua durante qualche alluvione. 

E vai allora di nuovo dragaggio!

Tra l'altro anche l'ipotesi a 55 metri è leggermente peggiorativa da questo punto di vista rispetto a quanto previsto dal Piano Regolatore Portuale.

Cosa dire che non avevamo ancora detto rispetto alle "magnifiche sorti e progressive" di quest'opera? A questo punto ci sentiamo di ammettere che è tutto talmente così random che il risultato finale potrebbe essere addirittura positivo. O anche no. Chissà.

PS: nelle carte gli ineffabili progettisti del nuovo porto paiono prendersela con l'ideatore del ponte, sostenendo che la sua progettazione è avvenuta nel 2008 contestualmente alla redazione del Piano Regolatore Portuale e che quest'ultimo il Ponte lo riporta graficamente. Evidentemente dandosi una bella zappata sui piedi visto che dimenticano che il Piano Regolatore non è del 2008 ma è stato approvato a fine 2016, 8 anni più tardi, dopo innumerevoli relazioni e consulenze e nonostante quel bel ponte riportato sulla carta: forse pensavano levitasse nell'aria?

*ribadiamo che la procedura di verifica di assoggettabilità a V.I.A. regionale è errata in quanto un progetto del genere è per legge soggetto a V.I.A. diretta di competenza nazionale. Se andate ora sul sito del Ministero dell'Ambiente su 12 progetti nella fase delle osservazioni ben 3 sono di infrastrutture portuali. Tra l'altro lo dice pure uno dei progettisti nel testo di uno degli elaborati. All'ARAP, ente proponente, l'avranno letto quel passaggio?
  
Segreteria Operativa Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua 
3683188739
e-mail:segreteriah2oabruzzo@gmail.com
 

11.09.18 10:35 - redvit - Letto 825