L'Abruzzo si fa onore all'Expo di Milano

Pescara. Personalità straniere al padiglione Kip

26.09.15 15:33
By Redazione

Dai, vota anche tu!!! Votato 2.94/5 (16 Voti)

L'Abruzzo si fa onore all'Expo di Milano

Pescara. Varietà antiche di frutti autoctoni, riscoperti e coltivati con pazienza, ma anche i salumi dei più bravi norcini della regione e formaggi freschi e stagionati prodotti dai nostri casari.

Continua l’attività di promozione dell’Abruzzo a Expo Milano delle Destination Management Company (DMC) Gran Sasso Laga e Gran Sasso d’Italia, L’Aquila e Terre Vestine, in collaborazione con il Gal Terre Pescaresi.

Davanti ad un pubblico nazionale  ed internazionale di alto profilo, si è aperto martedì 22 settembre, giornata dedicata da Expo al padiglione Kip (Kip Day), il corner espositivo e, nel tardo pomeriggio, la degustazione dei tanti prodotti proposti appunto dalle DMC presenti. Protagonisti nella preparazione e conduzione della degustazione Luigi e Pietro Di Furia dell’azienda I sapori del Gran Sasso e Massimo Mariani dell’azienda Il Cignale. A coordinare il tutto il direttore delle DMC Claudio Ucci.

Al termine della conferenza mondiale, in cui si è ribadito che per nutrire il pianeta, i governi, le imprese e le associazioni devono investire per prima cosa sullo sviluppo locale, gli ospiti e ilpubblico si sono diretti nei Giardini dell’Onu per assistere al brindisi di Luciano Carrino Presidente di Kip International School e  Bruno Antonio Pasquino, Ambasciatore e Commissario Generale di Expo. Che hanno così dato il via alla degustazione.

Ad apprezzare le prelibatezze abruzzesi, alcuni nomi tra tanti: Domenico Sturabotti della Fondazione  Symbola, l’artista italo-persiano Howtan Re e il presidente della rete mondiale delle agenzie ILS LEDA Giancarlo Canzanelli.

Molte anche le personalità internazionali di alto profilo presenti, tra queste: Alfredo Lazarte, co-direttore dell'area strategica "Lavoro decente nell'economia rurale” dell'ILO, Clara Marshall responsabile del programma "Men and Biodiversity" dell'UNESCO, Sydi Gueye segretario generale del Ministero senegalese "Donne, famiglia e infanzia" , Mohamed Sidiberappresentante del governo del Mali, Pier Giorgio Oliveti  direttore di Città Slow International, Alviero Bernardini presidente del Gruppo Cramst, professionisti della ristorazione, Famiano Crucianelli, Co-presidente della KIP e Parviz Koohafkan, Presidente del World Agricultural Heritage Foundation  (WAHF).

 

Data - 26.09.15 15:33