Avviata la campagna per la prevenzione dei tumori

Pescara. Lotta contro il melanoma, si registrano 1500 decessi l'anno

18.05.15 15:36
By redvit

Dai, vota anche tu!!! Votato 2.71/5 (7 Voti)

Avviata la campagna per la prevenzione dei tumori

Pescara. Si è svolta questa mattina, presso la Sala Giunta, la conferenza stampa della Lilt-Lega Italiana Lotta contro i tumori, Sezione di Pescara, e del Comune di Pescara per presentare la nuova Campagna di Prevenzione dei Tumori della Pelle e del Melanoma, con visite gratuite presso Casa Lilt.

Alla conferenza hanno partecipato il Presidente della Lilt-Sezione di Pescara, Professor Marco Lombardo, il vicepresidente Milena Grosoli, e l’assessore comunale alle Politiche sociali Giuliano Diodati. Un attestato di riconoscimento è stato donato dal presidente Lombardo alla presidentessa Interat Scatozza come forma ringraziamento e riconoscenza verso questo atto di solidarietà verso la Lilt.

“Siamo qui per l’ennesima manifestazione di importanza sanitaria e sociale della Lilt che ormai è un partner fisso del Comune di Pescara, dice l’assessore alle Politiche Sociali Giuliano Diodati - Ringraziamo il Presidente delle Lilt Lombardo e la vicepresidentessa Grosoli, così presenti sul territorio, soprattutto in questi momenti di crisi sociale, con un servizio di prevenzione gratuito, in questo caso un’intera settimana di controlli gratuiti presso l’ambulatorio in via Rubicone. Noi come amministrazione siamo molto contenti di questo connubio che speriamo continui negli anni”.

“Quest’anno siamo al secondo appuntamento nell’ambito della prevenzione: il primo è stato svolto per le visite senologiche gratuite, mentre l’appuntamento che presentiamo oggi sarà costituito da visite per controllare i tumori della pelle - annota il Presidente della Lilt-Sezione di Pescara, Professor Marco Lombardo - È in particolare rivolto ai giovani, perché il melanoma è un tumore molto aggressivo ed è prima causa di morte per i giovani entro i 35 anni. Negli ultimi anni sono state messe a punto nuove cure intelligenti che stanno cambiando la prognosi della malattia che però rimane molto infausta. Bisogna perciò fare in modo che essa non insorga e attaccarla prima che si diffonda. Fare prevenzione è semplice: bisogna eliminare le cause che possono facilitare la malattia. La prima causa è l’esposizione al sole. La seconda prevenzione è conoscere il fenotipo di ognuno di noi. Persone con capelli e carnagione chiara sono infatti più esposti di chi ha capelli e pelle scura. Terza prevenzione: conoscere la propria pelle, soprattutto per chi ha molti nei.  Altra prevenzione, la familiarità: coloro che hanno avuto in famiglia casi di melanoma sono i primi a dover prevenire e controllare la propria pelle. Ci sono due tipi di prevenzione: la prevenzione primaria, gestita personalmente da tutta la popolazione, e la prevenzione secondaria, che consiste nel controllare il melanoma quando è ancora in fase di nascita attraverso la tecnica dell’epiluminescenza. Sono molto felice della presenza di questa scolaresca poiché se loro sono qui a sostenere, come Interat, questa campagna, vuol dire che il messaggio è passato. Siamo quindi giunti ad una fase superiore”.

“La nostra associazione è composta da ragazzi tra 12 e 18 anni che insieme hanno voluto fornire un contributo economico alle associazione più celebri della città - aggiunge l a Presidentessa dell’associazione Interat, Caterina Scatozza - Raccogliamo fondi cercando di vendere oggetti e organizzare serate: in questo modo abbiamo raccolto 500 euro per la Lilt e ci auguriamo che questo sia l’inizio di un percorso che possa andare avanti negli anni futuri”.

I dati

Vi sono 62.000 nuovi casi l’anno di melanoma e 1500 decessi l’anno. I numeri variano in relazione alla diagnosi e alla fascia d’età. Spesso basta l’asportazione locale della lesione cutanea per guarire. Le donne sono più colpite degli uomini. C’è inoltre il 10% in più di incidenza per chi ha avuto in famiglia un malato di melanoma, per le persone di carnagione e occhi chiari e per chi si espone al sole senza protezione adatta al fenotipo e negli orari sbagliati di esposizione.

18.05.15 15:36 - redvit - Letto 1445