‘Notte dei Musei’ iniziative a Pescara

Pescara - I dettagli dall’assessore alla Cultura Porcaro degli  appuntamenti previsti per domani, 18 maggio

17.05.13 21:58
By Redcan

Dai, vota anche tu!!! Votato 3.43/5 (7 Voti)

‘Notte dei Musei’ iniziative a Pescara

PESCARA - “Musei aperti sino a mezzanotte o all’una per partecipare a eventi, momenti di dibattito, appuntamenti musicali o visitare mostre aperte e illuminate dalla luna. Anche Pescara ha aderito con tutte le proprie strutture alla quinta edizione della Notte Europea dei Musei prevista per domani, sabato 18 maggio, e che permetterà al visitatore di passare dal Museo Cascella a Casa D’Annunzio all’Aurum o al Museo Colonna in un viaggio senza fine alla scoperta dei nostri tesori”. Lo ha annunciato l’assessore alla Cultura del Comune di Pescara Giovanna Porcaro ricordando gli appuntamenti previsti per domani, 18 maggio, con Ermanno De Pompeis, Direttore del Museo delle Genti d’Abruzzo, e  il regista Dino Viani,

“Per il quinto anno consecutivo l’Italia partecipa all’iniziativa nata nel 2005 in Francia, un’iniziativa – ha ricordato l’assessore Porcaro – che prevede l’apertura straordinaria dei musei della città sino alla mezzanotte, ovviamente un’apertura gratuita per l’utenza per offrire ai cittadini, specie ai più giovani, l’opportunità di riscoprire il proprio patrimonio senza dover pagare alcun ticket. L’evento, come sempre, ha mobilitato l’attenzione di tutte le realtà del territorio che si sono attivate in funzione delle proprie forze. Il Comune garantirà l’apertura sino alle 24 di domani notte di tre luoghi identitari della città, ossia il Museo Cascella, del Museo Vittoria Colonna e dell’Aurum. Quest’ultimo ha organizzato un vero calendario di eventi. A noi si affiancheranno anche Casa D’Annunzio, e il MuGab, ossia il Museo delle Genti d’Abruzzo, quest’ultimo aperto sino all’una di notte. Quello che proponiamo è dunque un esempio di comunicazione integrata e partecipata. All’Aurum avremo uno spazio espositivo con 3 artisti che proporranno un sodalizio importante tra la pietra, il mosaico e il vetro-metallo ed esporranno nella Sala d’Annunzio; nella Sala degli Alambicchi ci sarà invece un esordiente, Alessio Lella, con ‘Horizon’, la sua prima mostra personale in cui esporrà un vasto campionario del percorso che ha portato l’artista alla sua maturazione personale e figurativa. Contemporaneamente al mattino, l’Aurum ospiterà il Premio Design Abruzzo, e la sera le opere premiate verranno esposte. Presso il Museo Colonna abbiamo la mostra permanente di Misticoni, mentre alle 21.30 ci sarà il professor Zimarino che intervisterà Paolo dell’Elce sul mondo fotografico di Dell’Elce, con degustazioni, letture e momenti di dibattito. Infine avremo il Museo Cascella, grazie alla partecipazione dell’Associazione ‘Amici del Museo Cascella’ e del professor Giovambattista Benedicenti, che terranno due visite guidate, alle 21.30 e alle 22.30, con Benedicenti che esporrà e spiegherà le più belle opere di Cascella. Quindi l’evento al MuGab, il Museo delle Genti d’Abruzzo, con la proiezione del film di Dino Viani, e il Museo-Casa Natale d’Annunzio che sarà aperto sino a mezzanotte con la mostra su ‘d’Annunzio bambino’ che sta riscuotendo un immenso successo”. “Sabato prossimo – ha aggiunto il Direttore De Pompeis – il MuGab sarà aperto sino all’una di notte con la presentazione in anteprima in Italia del film del regista Dino Viani, che vive a Berlino dal 2007, ‘Un giorno e un altro ancora’, un film sulla sequenza del filo della vita, sul distacco degli anziani dalla vita, una pellicola girata completamente sulla Comunità Montana del Sangro-vastese che, al tempo stesso, ci racconterà anche il processo di abbandono dei nostri paesi, che stanno vivendo un momento di morte civile. La prima proiezione ci sarà alle 18.30 con un momento di presentazione del film; la seconda proiezione alle 21.30”. “A chi mi chiede perché non ho presentato l’anteprima al cinema, con i suoi maxi-schermi e le sue luci o effetti speciali – ha spiegato il regista Viani – ho risposto che ci sono cose che devono andare al loro posto, e il Museo, in questo caso, è la casa ideale per la mia pellicola nata da un’assenza, la morte di mio nonno”.

17.05.13 21:58 - Redcan - Letto 3036