Al via la 36^ mostra del fiore Florviva

Pescara - Becci: ‘’kermesse di alta qualità, i numeri ci danno ragione’’. Febbo: ‘’segmento importante che va sostenuto ed incentivato. Arfa ed Assoflora: creare sinergie tra le imprese, conquistare nuovi mercati, formazione combattendo l’abusivismo’’

28.04.12 16:10
By Redcan

Dai, vota anche tu!!! Votato 2.7/5 (10 Voti)

Al via la  36^ mostra del fiore Florviva

PESCARA - Alle 11.00 in punto, questa mattina al Porto Turistico Marina di Pescara, il taglio del nastro della 36° edizione della Mostra del Fiore Floraviva.  Il top della produzione florovivaistica regionale con l’obiettivo di offrire una vetrina culturale, produttiva, artistica e turistica quanto mai variegata e di sicuro appeal per le migliaia di persone che annualmente partecipano all’evento. Con questa veste, completamente rinnovata, la tradizionale kermesse di primavera, organizzata dalla Camera di Commercio di Pescara, dall’Arfa e dall’Assoflora, ha aperto i battenti per una quattro giorni tutti da scoprire. “Oltre 70 espositori  presenti quest’anno, ai quali si sono aggiunti espositori di altre 9 regioni (Piemonte, Molise, Puglia, Trentino, Marche, Lazio, Sicilia, Toscana e Umbria) testimoniano la notevole crescita qualitativa della manifestazione – ha dichiarato il presidente della Camera Di Commercio di Pescara, Daniele Becci. Un plauso agli storici organizzatori che sono riusciti a migliorare questa splendida vetrina non solo floreale ma anche di arredo per giardini ed interni. Auspichiamo – ha aggiunto - un’ affluenza che superi quella dello scorso anno (circa 40 mila visitatori) e i numeri di questa prima giornata già ci danno ragione”.  Un vero e proprio viaggio nel settore, per addetti ai lavori e non,  capace di unire ed amalgamare le risorse delle singole località

 Una delle novità è rappresentata dal connubio tra l’oramai appuntamento tipico della primavera pescarese e “Floraviva”, la manifestazione autunnale, organizzata da Assoflora che dal 1895 tutela e valorizza i prodotti florovivaistici degli associati, in armonia con gli indirizzi della politica agricola comunitaria e la programmazione agricola nazionale e regionale. A fare da splendida cornice, il Porto turistico Marina di Pescara, uno dei maggiori simboli dell’intera provincia, individuato come location ideale per questa  edizione che raggrupperà, dunque,  tutto il settore florovivaistico abruzzese. “Trattasi di un segmento importante dell’ampio settore dell’agricoltura che va sostenuto ed incentivato – ha ribadito l’assessore regionale Mauro Febbo – complimenti  agli organizzatori ed alla Camera di Commercio di Pescara anche per la scelta della location, una struttura oramai simbolo indiscusso di questa città e punto di riferimento per eventi anche regionali.  La presenza dell’intera produzione regionale ed interregionale – ha precisato - favorirà senz’altro nuovi contatti e collaborazioni agevolando la penetrazione commerciale delle aziende abruzzesi in nuovi mercati”.

 “Questa manifestazione vuole, quindi, costituire un trampolino di lancio per i vivai giovani – ha infatti dichiarato il presidente di Assoflora, Guido Caravaggio -  e per le aziende dinamiche ed innovative. Nel contempo – ha aggiunto - si favorisce la creazione di sinergie positive tra aziende vivaistiche complementari o similari, come è già avvenuto in passato con eventi analoghi”.

L’obiettivo è anche quello di avvicinare il privato e le Amministrazioni Pubbliche alla “cultura del verde”, far comprendere l’importanza di avvalersi nella progettazione di qualsiasi tipo di intervento (realizzazione di giardini, parchi, restauri di aree verdi, recupero di siti degradati) della consulenza di professionisti specializzati, di prodotti di qualità e di operatori professionalmente molto preparati. Combattendo, contestualmente, l’abusivismo che anche in questo ambito specifico è molto diffuso. “ Gli abusivi  del settore, infatti – ha ripreso Caravaggio -  operano nella completa illegalità, esercitando una concorrenza scorretta nei confronti delle imprese che rispettano tutti gli adempimenti amministrativi e fanno fronte agli oneri fiscali e previdenziali. Il verde richiede competenza, esperienza, professionalità, oltreché mezzi idonei. Il consiglio dell’Assoflora – ha concluso il presidente -  è di rivolgersi a giardinieri ed imprese professioniste del settore, iscritte presso le CCIAA, in regola dal punto di vista assicurativo e contributivo”.   

La Mostra del Fiore, sarà anche l’occasione per i privati di acquistare un’ampia varietà di piante che normalmente non è facile reperire. L’ingresso al pubblico è gratuito per l’intera durata della manifestazione (fino al 1 maggio compreso) che si articolerà anche in iniziative collaterali all’esposizione. Il momento espositivo, infatti, è accompagnato da una serie di iniziative collaterali, come la  potatura di alberi d’alto fusto con tecniche di “Tree-climbing” la dimostrazione di arte floreale in collaborazione con i Maestri Fioristi italiani e l’Uffico Olandese dei Fiori. Si svolgeranno, inoltre,  dei mini corsi sui seguenti argomenti: cos’è il verde verticale; approccio alla tecnica “Bonsai”; le principali patologie delle piante ornamentali; le piante da frutto in giardino; alla scoperta delle succulente e delle piante grasse; la concimazione delle piante da appartamento; altri temi da concordare. Tutti momenti di aggiornamento tecnico che costituisco di certo un’ importante attrazione per il pubblico degli appassionati del verde.

Senza dimenticare le visite guidate organizzate per gli studenti della Scuola Primaria, degli Istituti Secondari di 1° e 2° grado.

Le Associazioni organizzatrici, presenteranno le proprie iniziative e proposte, in particolare nell’attività formativa,  “per far crescere la preparazione manageriale dei florovivaisti”.

A tal fine sarà organizzata sia una tavola rotonda su argomenti del settore e sia un incontro operativo di work shop, con aziende del settore florovivaistico abruzzese. “Il più alto obiettivo che ci poniamo – ha commentato Remo Matricardi – organizzatore e presidente dell’Arfa – è che tale evento possa diventare sempre più trampolino di lancio per il settore , consentendo all’Abruzzo di aggredire altri mercati italiani ed anche esteri. Una vetrina che sta sempre più prendendo piede e sulla quale lavoriamo costantemente per migliorarne la qualità. Quest’anno , la presenza ulteriore di altre regioni italiane rappresenta senz’altro un riscontro importante oltreché un valore aggiunto per l’intera manifestazione ”.

28.04.12 16:10 - Redcan - Letto 3025