Turismo. In Abruzzo un ottobre negativo, ma migliore delle previsioni

Pescara - Lo share previsto del 3,6% passa al 3,8% del totale dei vacanzieri italiani e la contrazione inizialmente stimata nel -31,5% passa al -9%.

03.12.11 16:08
By Redcan

Dai, vota anche tu!!! Votato 3.86/5 (21 Voti)

Turismo. In Abruzzo un ottobre negativo, ma migliore delle previsioni

PESCARA - I dati a consuntivo dell’ONT sul numero degli italiani che hanno effettuato una vacanza in Abruzzo migliorano. Lo share previsto del 3,6% passa al 3,8% del totale dei vacanzieri italiani e la contrazione inizialmente stimata nel -31,5% passa al -9%.

Come è accaduto per i mesi precedenti, anche i numeri definitivi di ottobre sono riusciti a recuperare, ma ciò non ha consentito di chiudere il mese con valori positivi se confrontati con quelli dello stesso mese dell’anno precedente. Infatti, si sono registrati n. 19.382 vacanzieri in meno.

 

L’andamento negativo rispecchia quello nazionale, che segna in 7 milioni gli italiani che hanno trascorso almeno una vacanza durante il mese di ottobre, il 13,8% della popolazione, circa un milione in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quando i vacanzieri erano stati in circa 8 milioni (15,9%).

Rispetto alle previsioni di vacanza registrate all’inizio di ottobre si contano 1,3 milioni di viaggiatori in più, un sensibile aumento imputabile alle temperature miti ed al bel tempo avuti su quasi tutta le penisola nella prima metà del mese e che hanno sorpreso coloro che non erano pronti a fare vacanza.

L’occasione offerta dal Ponte per la Festività di Ognissanti ha movimentato da sola 5,5 milioni di italiani (il 78,5% dei vacanzieri), mentre poco più di un milione di persone hanno viaggiato durante il resto del mese (15,1%); quasi mezzo milione di persone ha fatto vacanza in entrambi i periodi (6,3%).

I primi dieci mesi di quest’anno invece, disegnano per l’Abruzzo un aumento complessivo del 5% a dimostrazione che l’andamento positivo dei primi mesi dell’anno è riuscito a compensare, non solo quello sfavorevole dell’estate, ma anche l’andamento negativo di ottobre.

 

Le previsioni effettuate nel il 10° Bollettino mensile dell’Isnart per conto dell’ONT, segnano, per il mese di novembre, un aumento degli italiani che hanno pianificato almeno una vacanza.

Dovrebbero ammontare a 5,4 milioni, il 10,8% della popolazione, in crescita rispetto alle previsioni dello scorso anno (+1,5 punti percentuali).

Il 78,2% delle partenze pianificate ha come meta una destinazione italiana, mentre il 16,6% una località estera, con una crescita delle preferenze per l’Italia del di 6,1 punti percentuali rispetto allo scorso anno.

Il Lazio, la Toscana e la Lombardia sono le regioni italiane che raccolgono più intenzioni di partenza, mentre per l’Abruzzo la quota prevista è del 1,5%, quasi la metà delle preferenze ottenute a consuntivo lo scorso anno (2,8%).

Per la fine dell’anno, gli italiani che prevedono di fare una vacanza sono circa 7,1 milioni (14,1% della popolazione), un numero poco più basso rispetto al consuntivo dello scorso anno che, tra dicembre e le vacanze di Natale 2010/2011, aveva superato poco più di 7,7 milioni di persone (15,3%).

03.12.11 16:08 - Redcan - Letto 2022