Campotosto. Ciaspolata ad un mese dalla tragedia

Campotosto. Il 18 organizzata dall'AIGAE

17.02.17 15:14
By redvit

Dai, vota anche tu!!! Votato 0/5 (0 Voti)

Campotosto. Ciaspolata ad un mese dalla tragedia

Campotosto.  “Tutti con le ciaspole per ritornare a dare luce all’Abruzzo" .  Ci saranno tutti alla ciaspolata AIGAE totalmente gratuita sulla neve , sul Monte Cardito , a Campotosto  . Ci saranno i  piccoli artigiani , i commercianti , gli allevatori, gli imprenditori , i geologi AIGAE per la prima ciaspolata ad un mese esatto da quel drammatico 18 Gennaio in cui molte persone persero la vita”. Lo ha annunciato Salvatore Costantini , Consigliere Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche e Coordinatore delle Guide Aigae dell’Abruzzo .  

“Non vogliamo dimenticare ma dobbiamo riaccendere la luce sull’Abruzzo  e ridare un segnale di grande speranza  Domani Sabato 18 Gennaio , alle ore 9 a Campotosto  commercianti , allevatori ,  tutte le Guide Ambientali Escursionistiche  AIGAE dell’Abruzzo – ha continuato  Costantini  - e geologi AIGAE  , ma anche turisti , cittadini comuni , amanti della montagna saliranno sul Monte Cardito. L’escursione sarà ovviamente tutta gratuita ed aperta a tutti ed adatta a tutti , sia a chi viene a conoscere e sia a chi ritorna. 

Il Compito delle Guide Ambientali Escursionistiche  è quello di divulgare  la natura, ma anche  le tradizioni e la cultura dei popoli abruzzesi, in modo tale da attrarre in questo territorio, turisti che non vivranno una vacanza sterile e priva di emozioni, ma oltre a godere delle bellezze naturalistiche, avranno anche l'opportunità di assaggiare le specialità gastronomiche, partecipare ad eventi culturali e tornare a casa con un ricordo bellissimo di questa terra”. L'escursione verrà condotta da Guide Ambientali  Escursionistiche professionisti operanti nel settore in base alla legge 4/2013.

Il borgo che non c’è più , le cascate di ghiaccio . Un evento davvero unico

“Sabato saliremo insieme dall'unica strada aperta che dal paese di Campotosto dirige verso il monte Cardito. Passeremo tra le transenne che delimitano e circoscrivono la Zona Rossa, tra macerie ed abitazioni ormai pericolanti – hanno dichiarato le Guide AIGAE organizzatrici , Alessandro Di Francesco  e Tiziana Di Donato   - tra i resti di quello che era un antico ed operoso borgo posto  a 1400 m slm  alle pendici dei Monti della Laga. Il versante che ci troveremo a guardare sarà quello più impervio, ripido e a tratti quasi inaccessibile, un continuo alternarsi di arenaria, marne ed argilla. Questi monti sono conosciuti anche grazie allo spettacolo meraviglioso che l'acqua di fusione regala in primavera: tra scivoli ripidissimi e cascate generate dall'incessante scorrere del prezioso liquido sull'impermeabile arenaria, si crea un'atmosfera incantata fuori dal tempo. In inverno si trasformano in altissime cascate di ghiaccio, paradiso di tutti gli estimatori del genere. I Monti della Laga sono un patrimonio enorme per il nostro territorio, abbiamo tutti il dovere di tutelarlo perché si conservi integro per le prossime generazioni e soprattutto abbiamo il dovere di non abbandonarlo.

Abbiamo la conferma della presenza ufficiale dei commercianti e degli allevatori   perché è importante che dopo lo spopolamento legittimo di tali aree si ritorni per cercare di ridare vita ad un territorio molto importante per l’Italia .  La splendida catena montuosa che vedremo è parte della storia italiana e del Parco Nazionale del Gran Sasso dei Monti della Lega . Ci saranno i commercianti, gli allevatori, i piccoli artigiani , gli imprenditori , i geologi AIGAE , i cittadini comuni .  Stiamo avendo tante prenotazioni. E’ giusto ed importante che dopo lo spopolamento dei residenti per motivi legittimi e le sole presenze delle Forze dell’Ordine tutte che ringraziamo , inizino a tornare dei civili per ammirare le bellezze del territorio.  Dobbiamo sottolineare l’importanza anche storica di questa parte dell’Italia , non abbandonarla .  Saremo sul Lago , vedremo la diga , ammireremo uno scenario davvero unico. Le Guide Ambientali Escursionistiche narreranno il territorio , la sua storia e la sua natura , mentre le guide geologiche spiegheranno quelli che sono i fenomeni geologici e come conviverci. Certamente l’intero territorio collinare e montano , ha subito grosse e gravi ferite . Tanti fabbricati sono inagibili , alcuni sono crollati ed altrettante strutture per il ricovero di animali non sono più tali . Le attività scolastiche stanno riprendendo . Riaperta anche la  Statale 80 che collega Teramo a L’Aquila per il passo delle Capannelle ed è questa una notizia molto importante . Vogliamo riportare la gente in questi luoghi e far capire che la montagna non uccide”.

Andiamo tutti in Abruzzo – per essere Sabato 18 Febbraio  dalle ore 9 – parte di un grande evento  accompagnando i commercianti , gli allevatori , i piccoli artigiani , cittadini comuni ed ascoltare la storia di questo straordinario popolo , meraviglioso territorio con le Guide Ambientali Escursionistiche Aigae ed i geologi AIGAE .  

17.02.17 15:14 - redvit - Letto 900