Energia rinnovabile. Chieti premiata da Bruxelles

Chieti. La Commissione europea sottolinea la validità del progetto della Provincia

27.06.13 10:44
By redvit PagineAbruzzo

Energia rinnovabile. Chieti premiata da Bruxelles

Chieti. Ancora una volta, la Giornata Europea per l’Energia Sostenibile (EUSEW)  è l’occasione per premiare i migliori progetti nel campo dell’efficienza energetica e sorgenti di energia rinnovabile implementati oggi in Europa.

Il ruolo dei comuni è un ruolo chiave per raggiungere gli obiettivi UE 2020 per il clima e l’energia.

Il Premio ManagEnergy azioni per l’Energia a livello Locale è un’iniziativa della Commissione Europea creata espressamente per premiare le autorità pubbliche e le agenzie energetiche a livello locale e regionale che abbiano mostrato risultati notevoli nell’ambito dell’energia rinnovabile, efficienza energetica e trasporti ecologici.

Il progetto "Chieti verso il 2020" (Chieti towards 2020) è stato premiato questa mattina a Bruxelles con una Menzione Speciale della Giuria del ManagEnergy Award 2013.

Durante la conferenza annuale di ManagEnergy,  Antonio Di Nunzio, Direttore Generale di ALESA, Agenzia Locale per l'energia e lo sviluppo ambientale e Giancarlo Moca, Direttore della Provincia di Chieti hanno ricevuto un attestato da William Gillet, responsabile dell’Unità presso l’Agenzia Esecutiva della Commissione Europea per la Concorrenza e l’Innovazione (EACI).

"Siamo molto orgogliosi di avere ricevuto questo riconoscimento dall’Unione Europea” ha dichiarato Antonio Di Nunzio. "È un grande onore che il nostro progetto si ponga come esempio e speriamo di ispirare altre città e regioni in Italia e nell’ambito dell’Unione Europea". Quest’anno c’è stato il record di 82 progetti partecipanti al ManagEnergy Award. Dopo la preselezione di dieci progetti, il primo premio è andato a un’iniziativa della città di Koprivnica (Croazia) mentre due progetti hanno ricevuto la menzione speciale della giuria:  "Chieti verso il 2020" e un’iniziativa della regione di Bruxelles capitale.

L’ambizioso progetto della provincia di Chieti punta ad andare oltre gli obiettivi UE di energia e clima 20-20-20. Invece di tagliare le emissioni di diossido di Carbonio del 20% come richiesto per il 2020, i 104 Comuni della Provincia di Chieti puntano a un pesante 31,2% di taglio delle emissioni derivanti dagli edifici pubblici e dal sistema di illuminazione pubblico.

Il Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio ha dichiarato che l’obiettivo principale del progetto è stato di portare nuove sorgenti di energia e risorse alla regione e questo si è ottenuto con l’implementazione dei Piani di Azione per l’Energia Sostenibile in tutti I 104 Comuni della Provincia.  

“La definizione e l’organizzazione di buone pratiche permette alla Provincia di Chieti di giocare un ruolo di primo piano da pioniere a livello sia nazionale, sia internazionale, facilitando il trasferimento delle buone pratiche verso altri territori’” ha detto Di Giuseppantonio. “Inoltre, questo progetto ci permette di attivare una leva economica e supportare il territorio provinciale con la creazione di nuovi posti di lavoro  e nuove iniziative imprenditoriali”.

"Chieti verso il 2020" è il più grande investimento mai fatto nella Provincia di Chieti per miglioramenti legati all’efficienza energetica e per l’istallazione di strutture per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il progetto vedrà l’investimento di 92 milioni di Euro su un ampia serie di sistemi di efficienza energetica e di sistemi di generazione come i pannelli fotovoltaici, nuovi sistemi di riscaldamento, migliori sistemi di isolamento e l’installazione di rivestimenti termici ad alta efficienza e di sistemi di produzione di energia co-generativi e tri-generativi.

Questo investimento è stato possibile grazie al supporto finanziario e tecnico del Patto dei Sindaci, un’iniziativa della Commissione Europea che raccoglie 5000 Comuni impegnati nel combattere i mutamenti climatici e a superare gli obiettivi UE 2020. "Siamo convinti che il Patto dei Sindaci, con il suo approccio dal basso è il metodo più giusto per incentivare gli investimenti locali in energia sostenibile.  Il progetto “Chieti verso il 2020” ne è un chiaro esempio".

27.06.13 10:44 - redvit PAGINEABRUZZO